19 ottobre 2012

Drink di lusso: a Londra il più caro del mondo

Mega ville, preziosissimi gioielli, automobili per pochi eletti, esclusivi capi di abbigliamento, gadget in edizione limitata sono soltanto alcune delle voci che siamo abituati ad associare all'idea del lusso sfrenato.
Ma in questo elenco c'è già qualcos'altro che merita senz'altro di essere aggiunto. Mi riferisco al drink più caro del mondo.
E' stato battezzato Salvatore's Legacy e merita a pieno titolo la definizione di cocktail più costoso del pianeta visto e considerato che per un solo bicchiere di questa preziosissima bevanda è necessario sborsare 5.500 sterline che equivalgono all'incirca a 6800 euro.
Ma cos'è che rende questo drink tanto speciale da giustificare un costo simile?
Innanzitutto a vantare la paternità di questo cocktail esclusivo è Salvatore Calabrese, noto barman con tantissimi anni di esperienza alle spalle, nonché specialista e collezionista dei distillati e dei liquori più introvabili ed eccellenti, attualmente attivo nella capitale britannica presso il Salvatore at Playboy.
Ma non solo. La rara preziosità del Salvatore's Legacy proviene anche e soprattutto dalla scelta degli ingredienti che danno vita a questo cocktail speciale i quali, a quanto pare, sono estremamente difficili da reperire. La ricetta infatti prevede 40 millilitri di Clos de Griffier Vieux Cognac del 1778, 20 millilitri del liquore Kummel classe 1770, altri 20 millilitri di Dubb Orange Curacao del 1860 e due gocce di Angostura Bitter datato 1990. Quanta storia in un solo drink!
Per quanti si fossero già ingolositi all'idea di potersi deliziare di questa lussuosa, unica e preziosa bevanda senza preoccupazione alcuna per il costo che questo sfizio richiede, basti sapere che il locale si trova al numero 14 di Old Park Lane, a Londra.
Buona degustazione!
Fonte: link
-->
(Foto di Neal - Flickr)

4 commenti:

  1. gli ingredienti verranno anche da annate speciali ma per quanto ce ne vada in un bicchiere! quanto al barman, poi, sarà anche famoso ma io non l'ho mai sentito...
    monica c.

    RispondiElimina
  2. Lo reputo un insulto a chi muore di fame e sete...comunque contenti loro

    RispondiElimina
  3. Io prendo un bicchiere d'acqua... meglio và :-)

    RispondiElimina
  4. E c'è da scommettere che non mancherà chi non troverà nulla da obiettare sul prezzo...

    RispondiElimina